Minicar Chatenet, Perché scegliere un loro modello?

Le minicar, o microcar che si voglia, sono veicoli con dimensioni ridotte che, ultimamente, stanno conquistando consensi tra gli adolescenti e tra gli adulti che preferiscono auto di piccole dimensioni, sia per non stressarsi nel traffico cittadino che per parcheggiare con estrema facilità. Con questa guida vi indicheremo pregi e difetti di questo mercato. Il settore delle autovetture dispone di tantissimi modelli di veicoli con tendenze, gusti e mode per ogni gusto.

Oggi, ovunque ci troviamo, ci rendiamo conto della quantità e qualità di autovetture in giro per la città, con significative differenze l’una dall’altra. Se negli ultimi anni, da un lato si è diffusa la moda dei SUV, apprezzati per i loro ampi spazi, ma odiati da molti anche per la loro imponenza, dall’altro lato è dilagata una nuova tendenza: quella delle minicar.

Rispetto ai SUV il discorso è opposto, le dimensioni delle minicar sono più piccole con un bagagliaio ridotto o inesistente e con un abitacolo che può ospitare fino a due passeggeri. Maneggevoli e pratiche alla guida, risultano poco impegnative nel parcheggiarle. Sono consigliate nel traffico cittadino sia per grandi che per piccole città.

Le mini o microcar possono essere guidate dall’età di 14 anni per i propri spostamenti che si tratti di scuola, di lavoro o di puro divertimento e offrono la comodità di un ciclomotore ma con la protezione di un autoveicolo in caso di maltempo. Proprio per queste ultime caratteristiche è un veicolo amato per gli anziani.

In cosa si distinguono le minicar?

La minicar è una via di mezzo tra un’auto e un motorino, dotata di quattro ruote e carrozzeria, con potenza e dimensioni ridotte rispetto alle altre autovetture. Definite dal ‘Codice della strada’ quadricicli si possono guidare senza patentino dai 14 anni in su. Purtroppo si pensa che la carrozzeria renda la minicar un mezzo più sicuro del motorino, ma non è così in realtà poiché freni, pneumatici e carrozzeria sono studiati per un veicolo che viaggia alla velocità di max 45 km/h e se superato, questo limite, conferirebbe instabilità e poca sicurezza al veicolo. Per trasportare un passeggero è necessario avere alcuni requisiti come aver compiuto 18 anni d’età ed avere immatricolato e targato la microcar con le targhe preposte per i ciclomotori. Inoltre bisogna possedere la carta di circolazione e che il veicolo sia omologato per due persone. Va aggiunta la polizza assicurativa con copertura, in caso di incidente, anche per il passeggero. Un nuovo modello proposto della francese Chatenet, casa automobilistica che produce soprattutto minicar, ha in sé tutte queste caratteristiche. Vediamole insieme.

La Chatenet Automobiles e la CH46 Nel 1984 Louis George Chatenet fonda la Chatenet Automobiles, o anche solo Chatenet, casa francese produttrice di microcar che si contraddistingue per i suoi veicoli leggeri prodotti in Alta Vienne e Pierre- Buffière.

In rapporto ad altre autovetture, quelle prodotte dell’azienda francese, sono catalogate tra i quadricicli leggeri e si possono guidare in alcuni paesi europei, Italia compresa, senza la patente di guida ma con il solo patentino per guidare i ciclomotori, ottenibile una volta compiuti i 14 anni.

La nuova proposta di microcar della Chatenet è la fiammante Chatenet CH46 che ha come caratteristiche principali le seguenti: è lunga poco meno di tre metri ed ha due opzioni di motore, la prima prevede un motore Lombardini Kobler HDI con cilindro di 480 cm3 di cilindrata con una potenza di 6Kw, la seconda un motore 500 EVO con una potenza di 6Kw/Euro 4 entrambi con un consumo di 3l per 100 Km.

L’alimentazione è Fuel Gasoil. Il suo prezzo parte da una cifra di 13.500 euro.

Che ne sarà delle minicar?

Le nostre città sono sempre più trafficate e con parcheggi inesistenti da qui nasce l’esigenza di sfruttare la versatilità delle minicar per gli spostamenti, sia per un pubblico adolescente che adulto.

Leggere, pratiche, funzionali e di dimensioni ridotte consentono di girare in libertà anche con il maltempo. Il loro aspetto estetico è stato migliorato vista la grande richieste degli ultimi anni, e così dall’aspetto grezzo che avevano siamo passati a gusti di tendenza che ricordano vere e proprie autovetture in miniatura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *